Passa ai contenuti principali

Pitti Immagine, Milano Uomo e Parigi. I trend maschili per l’inverno 2012/2013

Text: Angela Acanfora


I designer giapponesi scavalcano l'Italia al Pitti: “Giapponesi, solo onore niente social”.





Arrivare al Pitti è sempre come la quiete prima della tempesta. Prima o poi si arriva a fare la coda ai tornelli, l'energia della massa in attesa di scoprire le novità si avverte già all'entrata della Fortezza.
Buyer, stampa, espositori, mai come quest'anno il Giappone è stato protagonista, a livello di presenza, interesse e avanguardia nel design. L'evento più atteso, da tutta la stampa a dire il vero, era Tokyo Fashion Week in Italy, un résumé di tutti i migliori marchi famosi in Giappone che hanno un buon riscontro a livello mondiale. Nell'area dedicata Tokyo Vs. Italy al LyceumYuichi Yoshii forte dei 15 anni di esperienza nel fashion business ha selezionato capi icona di 20 marchi e designer più incisivi del Paese.
 
In particolare, interessanti le manipolazioni dei tessuti e la sfrontatezza di Facetasm, bomber con stampe dell'ultima cena e declinazioni furniture dei tessuti che compongono le collezioni; Blackmeans con giubbotti di pelle ricoperti da borchie (pesantissimi, ma scenografici); Whiz Limited Flaph essenziali quanto chic che riscoprono il denim e le iniziali sulle camice; Mastermind Japan con l'eterno e sempiterno stile militare e infine Phenomenon che grazie al suo attivissimo designer Takeshi Osumicura molto bene il dialogo tra street wear passerella.


 Non solo abbigliamento casual, ma anche Futuro della moda maschile, nel padiglione Futuro Maschile il focal point è la ricercatezza dell'esclusività sartoriale. Marchi per pochi, in pochi pezzi, con grande attenzione al dettaglio. Anche in questo caso, duole un po' dirlo, il più interessante di tutta la metratura si dà il caso sia Giapponese. La collezione “A Workroom” by Ryoji Okada è eccentrica, con lo spirito rock (e i tessuti orignali) anni settanta. Le giacche nascondono frasi dietro i revers, diverse fantasie accostate tra di loro in modo quasi teatrale catturano l'occhio e lo ingigantiscono anche un po'. Okada è nato a Tokyo, ma ha studiato a Londra tra I più grandi maestri di taglio sartoriale. Quando si dice, trasversalità tra culture.

Molti lamentavano una scarsa cooperazione e modi piuttosto bruschi da parte dei designer orientali, io ho solo trovato un po' di imbarazzo, dispiacere nel non capire la lingua e l'immancabile serietà, professionalità e rigore giapponese. Se conosci la cultura lo sai, inciso che mi sentivo di fare.
 
Non c'è tempo per riposare, da Firenze a Milano e da Milano a Parigi, collego e riassumo.
 
Le passerelle hanno mostrato ciò che già si comprendeva al Pitti, per lo stile che andrà di moda nell'inverno maschile 2012/2013. Il ritorno del patchwork e del denim, smuovete le nonne e rispolverate i rimasugli anni novanta, tanto colore soprattutto rossoarancioviolaverde bottiglia (Valentino ha fatto sfilare un completo interamente di questo colore, una meraviglia),nero grigio.





Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Orchidee di carta, fai da te.

Girando il web mi è capitato di imbattermi in un blog molto carino che racconta come realizzare fiori di carta!  Quale donna non ama i fiori?!?Sì, d'accordo esistono quelle che dicono che  non amano i fiori, ma... io credo non le credo!(: Mentono!! Sono rimasta folgorata dalla grazia e dalla veridicità di queste piccole creazioni, sono realizzate con della semplice carta, per i più esperti del design ci sono varie carte da poter utilizzare per avere un risultato più efficace, ma di sicuro un foglio da stampante A4 va bene per tutti! Vediamo insieme come si realizzano! Per facilitare il lavoro vi alleghiamo a fine pagina i pdf da poter scaricare, stampare a casa vostra, ritagliare e assemblare!
Auguro a tutti un buon lavoro, Angela.
Fatemi sapere!!!





Seguite i semplici passi qui sotto!





Ecco il risultato finale!



Ecco le immagini da stampare: Questo sarà il retro delle vostre orchidee rosa.

Ecco l'orchidea bianca! Ovviamente essendo il foglio da stampa bianco non avrete bisogno di…

Octopus teeS : Le Innovative t-shirt disegnate da Giorgio di Salvo

Di sicuro avete riconosciuto la grafica del polpo… Sì, è la Octopus di VNGRD disegnata da Giorgio di Salvo.


Il designer milanese è diventato parte integrante del team IUTER, per la quale ha disegnato diverse grafiche, tra cui   la linea Uppercut, la capsule collection che contiene le perle di IUTER. Il famoso brand per la stagione Spring/Summer 2013 IUTER presenta OCTOPUS: un nuovo concept-brand creando una  capsule collection prendendo un "animale" poco visto in giro, ma molto d'effetto, si, il polpo o polipo , a dir si voglia. Caratterizzata da una grafica tentacolare, stampata in all-over sulla parte superiore di felpe con cappuccio e magliette, OCTOPUS è stata e rimane una delle più apprezzate grafiche proposte in ambito street degli ultimi dieci anni, con riconoscimenti internazionali firmati da Complex e dalle principali testate di settore.
Il segno applicato su magliette e felpe crea un effetto davvero dinamico e creativo, davvero un must have per essere cool quest…

Le Stanze dell' Eros di Milo Manara

Ospite con le sue opere dedicate all'eros e al mondo Femminile, Milo Manara, celeberrimo Artista Fumettista Veronese, approda al Palazzo delle Arti di Napoli con la sua Mostra: "Le Stanze del Desiderio". Nelle mie storie il potere  e non solo della seduzione è sempre in mano alle donne - dichiara Milo Manara- Penso che, sia sul piano morale che fisico, le donne superino l’uomo in bellezza e potenzialità. L’umanità farà un passo in avanti decisivo quando sarà governata da donne. Naturalmente noi in Italia arriveremo per ultimi anche a questo traguardo… Parliamo delle opere di Milo Manara, maestro veronese della Nona Arte,   ospite con la mostra “- Le stanze del Desiderio”, presso il Palazzo delle Arti di Napoli – che sancisce la collaborazione con l'Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, con cui continua una proficua partnership. "Il PAN continua a caratterizzarsi come luogo privilegiato per i diversi linguaggi del contemporaneo e per gli arti…