giovedì 28 novembre 2013

Apre "La casa del giornalista" un bene confiscato alla camorra



Il logo del Coordinamento
Il 9 dicembre 2013 aprirà a Napoli “La Casa del giornalista”: per la prima volta in Italia dei giornalisti prenderanno in gestione un bene confiscato alla camorra. L’immobile sarà assegnato al coordinamento dei giornalisti precari della Campania che ha raggiunto il traguardo prefissato non senza difficoltà, tra minacce e lungaggini burocratiche.
Alla conferenza stampa di inaugurazione sono stati invitati il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, il prefetto di Napoli, Francesco Musolino, il presidente nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, Enzo Iacopino, il presidente dell’ordine dei Giornalisti della Campania, Ottavio Lucarelli e il presidente dell’associazione napoletana della stampa, Enzo Colimoro.
“La Casa del Giornalista” sarà presto un ritrovo dove confrontarsi e dialogare sul difficile “mestiere” del professionista dell’informazione, tra precariato e nuovi media.

Angela Acanfora

venerdì 22 novembre 2013

Cruciani C e Telethon uniti contro le Malattie rare



Dopo varie collaborazioni il Brand Cruciani C ritorna cn una nuova iniziativa: finanzia la ricerca sulle malattie genetiche rare e la loro cura con Telethon, realizzando a tal fine un bracciale in macramè che riproduce il logo della Fondazione Telethon.

Ecco il bracciale in macramè Cruciani C con le stelline e al centro la "T" che riproduce il logo della Fondazione Telethon.

Disponibile in tre colori rosso, verde e blu verrà venduto nei siti di Telethon e in tutte le boutique Cruciani e Cruciani C al solito costo: 10 euro. Parte del ricavato della vendita dei bracciali andrà a Telethon e i fondi raccolti contribuiranno a sostenere i progetti di ricerca meritevoli.

-Davvero una bella iniziativa che noi di On Magazine approviamo!



giovedì 21 novembre 2013

L' artista Donna Franklin propone: Un abito DI...VINO





"Non solo nel bicchiere: il vino entra anche nei guardaroba!"

Ci ha pensato Donna Franklin  ricercatrice e accademica presso la Scuola di Comunicazione e Arti, Facoltà di Scienze della Formazione e Arti, Edith Cowan University (ECU), che osservando le trasformazioni di un telo che copriva un tino contenente mosto in fermentazione con il suo team ha dato vita ad un tessuto. 
Il tessuto,è staot generato  dai batteri acetici, ovvero quelli che permettono la trasformazione del vino in aceto, che hanno dato vita a delle fibre di cellulosa simile al cotone. Il progetto è stato molto apprezzato e poi  presentato al Festival annuale del Tartufo a Mundaring Arts Centre.
La Franklin, collabora spesso con i professionisti attraverso le arti, discipline umanistiche e delle scienze per creare reti per/ con le comunità tra laureati e studenti universitari, artisti locali, nazionali e internazionali, ed ha esposto opere le sue opere biologiche e non biologiche a livello nazionale e internazionale. 
Alcuni se questi includono:
IFFS, ACD, la Danimarca, 11, Animals-People, POP Gallery, Queensland, 11, segnali di cambiamento, FORM 10, Super umano, RMIT Gallery, Melbourne 09, Biotech - Art Revisited EAF, Adelaide 09, Beyond Botanica, Artspace, WA 09, Coded Cloth, Samstag Gallery, ANAT, 08, pelle a pelle, Fremantle Arts Centre, 08, ARS Electronica Festival 07, Austria. Mycologia, Mundaring Arts Centre, 07, Seconda ENTRY06 Skin, Vitra Design Museum, in Germania e Taiwan 07, BEAPworks06 WA, BEAP04 Bio Differenza: L'ecologia politica, Lawrence Wilson Gallery, WA, e la loro schiusa 05 a PICA, WA.


Il lavoro di Donna Franklin "SymbioticA" è stato esposto in BioDifference alla Galleria d'Arte Lawrence Wilson durante BEAP2004.
Ecco le immagini esclusive del tessuto e degli abiti realizzati:





Angela Acanfora




venerdì 15 novembre 2013

La vendetta veste Prada, il ritorno del Diavolo: a breve il sequel del fantomatico best seller


    
           


Le fashion addicted di sicuro  saranno felici di sapere che finalmente a breve arriverà il sequel de ‘Il diavolo veste Prada’! Moltissime donne appassionate di moda e non, hanno amato il film che racconta la storia della giovane assistente della direttrice di Vogue. L’autrice del romanzo da cui è stata tratta la versione cinematografica, Lauren Weisberger, ha annunciato che sta scrivendo il sequel della storia. Il romanzo dovrebbe uscire la prossima primavera, e a differenza del primo, sarà subito girato il film.

Il titolo probabilmente sarà: ‘La vendetta veste Prada: il ritorno del Diavolo’. La storia della protagonista sarà incentrata sulla sua vita dieci anni dopo. Il film ha dipinto un quadro piuttosto chiaro dell’atmosfera che si respira nella redazione di Vogue. Tra l'altro non tutto sanno che La Weisberger è stata nella realtà l’assistente della direttrice, Anna Wintour; la scrittrice ha specificato che nella sua storia non ci sono riferimenti a fatti o cose realmente accaduti, anche se -tutti- hanno associato automaticamente la Wintour alla perfida Miranda Priestley del film, interpretata da Meryl Streep.

- Curiose degli abiti che saranno indossati? Beh, la dolcissima Anne Hathaway ci porterà di nuovo fra le fantastiche e irraggiungibili collezioni haute couture. Non ci resta che aspettare e attendere di sapere come sarà cambiata la protagonista, di sicuro di nuovo in una grande avventura-sventura con Miranda Priestley.

                                Angela Acanfora 

sabato 2 novembre 2013

Da Parigi a Roma : H&M by Isabel Marant all'apertura del mega store di via del Corso 421 presenta la sua collezione 2013



text: Angela Acanfora


Eventi straordinari per il brand H&M tra Parigi e Roma, le due capitali  hanno fato impazzire i social network.
Due maxi eventi nella stessa sera a Parigi e a Roma, come diceva un famoso film, diretto da Chris Columbus, "Tutto quella notte", il primo per la collezione H&M by Isabel Marant, il secondo per l'apertura del negozio di via del Corso.

 Dall'apertura del nuovo maxi negozio di via del Corso a Roma (che segna anche i 10 anni del marchio svedese in Italia) alla grande festa per il lancio della attesissima collezione H&M by Isabel Marant. L'evento-duo, ha magnetizzato tutti i social network come  una vera partita al rilancio. Con una foto scattata dal cupolone (creato dall'archistar Massimiliano Fuksas) dove si è svolta la cena di gala per l'opening del flagship store H&M romano e un'altra dal Tennis Club de Paris.

Invitati, sia a Roma che a Parigi, tantissimi gli ospiti e vip presenti. A Roma, hanno festeggiato il taglio del nastro Tosca D’Aquino, Elena Santarelli, Isabella Ferrari, , Carolina Crescentini, Margherita Buy Alessandra Mastronardi, Nicoletta Romanoff, Maria Sole Tognazzi, , Valentina Cervi,  Katy Saunders, Jane Alexander, Eliana Miglio, Sveva Alviti, Arisa, Mia Benedetta, Martina Codecasa, Nathalie Rapti Gomez, Eleonora Albrecht, Daniela Virgilio, Camilla Filippi, Giulia Bevilacqua, Carolina Di Domenico, Francesca Figus, Claudia Zanella, Esther Elisha, Mia Benedetta, Domenico Diele, Francesca Figus, Roberta Giarrusso, Christiane Filangeri, Vinicio Marchioni, Edoardo Natoli, Francesco Costantini, Francesca Valtorta tutti vestiti rigorosamente in H&M e l'attesissimo Riccardo Scamarcio,

 La cena di gala è stata organizzata nella Cupola, vip lounge situata al roof top del Palazzo dove si sono alternate la  cucina svedese e italiana mentre in consolle c'era la dj Paola Maugerie durante la serata si sono alternati altri  4 DJ resident romani: Fabrizio Sala (London FM), Flavia Lazzarini & D Hanger, Stefano Ritteri e Andrea Montovoli.

Ma a Parigi? L'evento era al Tennis Club, conosciuto dal popolo della moda per essere in passato la location abituale delle sfilate di Helmut Lang ed oggi per gli show Céline. Tra gli ospiti  January Jones, Freida Pinto, Audrey Tautou, Alek Wek, Olga Kurylenko tutte già vestite coi capi H&M by Isabel Marant e ovviamente una straordinaria Isabel Marant. Tutte hanno ballato fino a notte con i pezzi creati da dj Grandmaster Melle Mel and Rappers Delight.Una notte davvero di ispirazione tra il bohemian e lo stile 90s in perfetta simbiosi con la collezione H&M by Isabel Marant in vendita negli store H&M dal 14 novembre.

Di sicuro ci sarà una fila di scalmanate fashion victim in quella date, vi consiglio di affrettarvi in mattinata e di stare attente a qualche francesina che lotterà con le unghie smaltate e con i denti, pur di accalappiarsi un capo di  Isabel Marant!