martedì 26 gennaio 2016

Nuit Noire sfida la jella e crea charms con il numero 17



 
Il 17, il numero al quale da sempre, si attribuisce un’accezione negativa, diventa charm e penzola da bracciali, orecchini e collane, per l'elegante brand, Nuit Noire.
La collezione è stata creata per esorcizzare la credenza popolare del numero 17 come portatore di sfortuna ed è stato trasformato in elemento distintivo del marchio, dando un tocco originale e spiritoso al brand.
Design, sperimentazione e innovazione: i tre punti di forza del frizzante brand napoletano costituiscono anche il nucleo della nuova collezione.
Il nuovo campionario comprende tre linee, ciascuna caratterizzata da un mood differente, espressione di un preciso stile di vita femminile. 
La linea Chance è dedicata alle donne raffinate che amano sfoggiare gioielli non troppo vistosi, ma eleganti. 
La linea Seduction è stata concepita per una donna più vanitosa ed estrosa; comprende infatti bracciali schiava, orecchini e collane con disegni complessi, vistosi e accattivanti. 
La linea LifeStyle è dedicata alle giovanissime e alle fashion addict. Hashtag, graphic novel, fumetti, illustrazioni, pubblicità, e tanti colori: questi gli elementi che la contraddistinguono. 
Il 17 – da solo o abbinato ad altri ciondoli – decora gli accessori di tutte e tre le linee, quasi a significare che, indipendentemente dagli stili di vita, l’ironia e un pizzico di spavalderia non guastano mai.
Il numero 17 è un numero ritenuto particolarmente sfortunato in Italia e altri paesi di origine greco-latina. Nell’Antica Grecia, i seguaci di Pitagora odiavano il 17 perché si trovava in mezzo a due numeri perfetti come il 16 e il 18. Nell’Antico Testamento si legge che il giudizio universale iniziò il 17esimo giorno del secondo mese. Forse, il motivo principale di questa superstizione. 
Dalla storia di una superstizione ad un accessorio moda indispensabile, Nuit Noire ha saputo dare al numero 17 un nuovo status. Il numero 17 diventerà questo inverno il portafortuna di molti.











Nessun commento:

Posta un commento