giovedì 21 aprile 2016

“ALLA SCOPERTA DELL’AGER STABIANUS”



Per la valorizzazione e sviluppo di un territorio bisogna puntare sulle sue risorse, sui punti di forza dell’identità del territorio, come prodotti enogastronomici e risorse ambientali e culturali (materiali e immateriali). Affinchè ciò avvenga è fondamentale il coinvolgimento sociale, che ci sia la consapevolezza che pianificazione e tutela di un territorio costituiscono diritti e responsabilità di ogni persona. Con criteri moderni di gestione e organizzazione delle risorse, la messa a sistema di capitale umano, avvio di politiche economiche di ampio raggio, volte a far leva su logiche di cooperazione, può avviarsi un’opera di promozione e sviluppo, tenendo presente che tra risorse e territori sussiste una condizione di reciproco condizionamento, un rapporto dialettico che è alla base del successo di entrambi. 

Anche territori dotati di attrattori meno “gettonati” (al momento) rispetto agli scavi di Pompei ed Ercolano, come Sant’Antonio Abate, Lettere, Santa Maria la Carità, Castellammare di Stabia, Gragnano, potrebbero essere i nuovi protagonisti di un circuito turistico integrato, un nuovo distretto culturale, dal momento che in tali territori sono presenti importantissimi siti archeologici di epoca romana.

È per questo che l’Associazione CamCampania intende organizzare, periodicamente, conferenze stampa, eventi ed attività a supporto di un piano di sviluppo turistico territoriale, segnalando casi di eccellenza e coinvolgendo chi sul territorio svolge attività legate alla valorizzazione dei beni culturali e ambientali, come Associazioni, Cooperative e Fondazioni che si occupano di promozione della cultura, in primis la Fondazione Onlus Restoring Ancient Stabiae… http://www.camcampania.it/proposte-culturali/progetti/703-fondazione-restoring-ancient-stabiae-presentati-i-progetti-alternanza-scuola-lavoro.html

Tra gli strumenti adottati dall’Associazione CamCampania per promuovere i beni culturali e ambientali vi sono il cultural planning, la comunicazione integrata e la rivista CamCampania, cartacea e on line  (www.camcampania.it).

La rivista, essendo una testata giornalistica registrata (Aut. Trib. Torre Annunziata al n° 444/15 del Registro Stampa 06/15 in data 01/04/15) offre anche la possibilità agli interessati (secondo le modalità indicate dall’Ordine dei Giornalisti della Campania) di diventare giornalisti pubblicisti.

È inoltre attiva una convenzione con l’Università degli Studi di Napoli Federico II che permette ai corsisti di ottenere crediti formativi…http://www.camcampania.it/conoscere-il-territorio/beni-culturali/737-tirocini-formativi-per-cultural-manager-e-aspiranti-giornalisti.html

Obiettivo dell’evento del 30 aprile è sensibilizzare gli “addetti ai lavori” ed i Comuni interessati alla valorizzazione dell’ “Ager Stabianus”, coinvolgere la filiera turistica locale, confrontare l’offerta attuale con i principali trend mondiali, offrire ai locali organi istituzionali competenti possibili indirizzi di sviluppo delle proprie politiche e, infine, sostenere la realizzazione di nuovi itinerari che possano integrare l’offerta presente, puntando su luoghi, tematiche e target alternativi.


Nessun commento:

Posta un commento