Passa ai contenuti principali

"Goodbye Anna Piaggi"


Una delle Più Celebri giornaliste di moda. Una penna inimitabile del fashion. L'icona del vintage Che inizio ad utilizzare Ancora prima il Che venisse coniato il Termine. Oggi, alla veneranda età Dettagli di 81 Anni, Anna Piaggi se n'è andata. E con lei, Una Pagina di Storia Che rimarra Semper Scritta negligenza Archivi del Giornalismo di moda. E Stata Una delle Voci Più influeni di Tutto il glamour del panorama Internazionale. Nata NEL 1931, la SUA Carriera inizio alla Casa Editrice Arnaldo Mondadori, colomba lavorava venire traduttrice. All'inizio degli anni'60 Divento Giornalista di Moda. All'epoca il Made in Italia nell'era Solo un sogno e lei Ancora Grazie al Suo talento e determinazione alla SUA, assunse il Ruolo di fashion-editor (when la Professione non era riconosciuta di Ancora!) Del periodico "Arianna", il capostipite di Tutti i Giornali di moda. SPOSO NEL 1962 Alfa Castaldi, Uno dei Fotografi italiani Più importanti Che morirà NEL 1995. Sempre in Quel Periodo, Insieme alla Collega e amica Anna Riva, la Piaggi "Dal nulla ha creato" un mestiere Tutto Nuovo, quello di redattrice di moda. Da lì, NEL Suo Percorso lavorativo SI susseguono Varie Collaborazioni giornalistiche con testamentaria di Rilievo: Vogue, negligenza anni'70 colomba Ancora Oggi curava la rubrica inaugurata nell'88 "DP Doppie Pagine di Anna Piaggi", poi dall'81 all'84 ha curato in prima persona il Progetto per il rilancio di Vanity Fair. Alla bella degli Anni Ottanta diventa Una firma di punta per Giornali Quali Panorama e L'espresso.
NEL 1986 lo stilista Karl Lagerfeld, Oggi anima creativa del Marchio Chanel, le Nazioni Unite dedica libro, CHE E Ancora in circolazione, "Anna Chronique"

Anna Piaggi e indimenticabile: a renderla celebre has been il Suo Modo di vestire provocatorio, in CUI sapeva dosare sapientemente il Senso dello humor delle Nazioni Unite Momento in CUI Il Mondo della moda Stava diventando serio. In Quel Preciso Periodo storico, ogni stilista richiedeva la SUA Consulenza e il Suo Giudizio critico.

Anna Piaggi era inconfondibile per il Suo stile: Cappelli, Velette, Tende, copridivani, Tessuti, Oggetti di design, chili di trucco .... le Sue parole d 'Ordine erano fantasia ed Immaginazione, per this, Dagli Anni '90 ad Oggi, non c'e Stata Una sola sfilata in CUI non lei Fosse Presente in prima fila. Con lei scompare Una Giornalista, Una musa, un'icona di stile, ma SOPRATTUTTO Una donna, Che ha Saputo sfida delle Nazioni Unite Contributo Fondamentale al Mondo della moda, con professionalità e Passione Infinita.
Franca Sozzani, la Direttrice di Vogue Italia, la ricorda cosi: "23 Anni di Lavoro Insieme, migliaia di Doppie Pagine Insieme. Ti ricorderò Semper Anna ".





Tr.
Una delle giornaliste di moda più rinomate. Una penna della moda inimitabile. L'icona della vendemmia ha cominciato a usare anche prima che il termine è stato coniato. Oggi, alla matura età di 81 anni, Anna Piaggia andato. E con essa, una pagina di storia che sarà sempre scritto negli archivi del giornalismo di moda. E 'stato uno dei più influeni attraverso il paesaggio del glamour internazionale. Fondata nel 1931, la sua carriera cominciò a Arnaldo Mondadori casa editrice, dove ha lavorato come traduttore. Nei primi anni '60 è diventato un giornalista di moda. Made in Italia al momento era ancora solo un sogno e lei grazie al suo talento e la sua determinazione, ha assunto il ruolo di fashion-editor (quando la professione non era ancora noto!) Della rivista "Ariadne", il nonno di tutti i le riviste di moda. Nel 1962 si sposò con Alfa Castaldi, uno dei più importanti fotografi italiani caduti nel 1995. In quel periodo, insieme con il collega e amico di Anna Riva, Piaggi "creato dal nulla" una professione del tutto nuova, quella di fashion editor. Da lì, la sua carriera seguono collaborazioni giornalistiche con diverse riviste importanti: Vogue, negli anni '70 dove ancora guardato dopo che il libro ha lanciato in 88 "DP Doppie Pagine di Anna Piaggi", poi da 81 a 84 ha personalmente curato il progetto per la revival di Vanity Fair. Negli anni Ottanta è diventato un picco di firma per giornali come Panorama e L'Espresso.

Nel 1986 lo stilista Karl Lagerfeld, direttore creativo del marchio ora Chanel, ha dedicato un libro, che è ancora in giro, "Anna Chronique"

Anna Piaggi è indimenticabile: per renderlo famoso fu il suo modo di vestire provocante, sapientemente dosato sapeva dove il senso dell'umorismo in un momento in cui il mondo della moda stava diventando seria. In quel preciso periodo storico, ogni progettista richiesto il suo consiglio e il suo giudizio critico.

Anna Piaggi è stato unico per il suo stile: cappelli, veli, tendaggi, fodere, tessuti, oggetti di design, chili di trucco .... le sue parole d'ordine sono fantasia e immaginazione, per questo, dagli anni '90 ad oggi, c'era solo uno show in cui lei non era presente in prima fila. Scompare con un giornalista, una musa, icona di stile, ma soprattutto una donna che ha saputo dare un contributo fondamentale al mondo della moda, con passione infinita e professionalità.
Franca Sozzani, direttore di Vogue Italia, lo ricorda bene: "23 anni di lavoro insieme, insieme a migliaia di pagine doppie 'll Ricordate sempre Anna.».





Commenti

Post popolari in questo blog

Orchidee di carta, fai da te.

Girando il web mi è capitato di imbattermi in un blog molto carino che racconta come realizzare fiori di carta!  Quale donna non ama i fiori?!?Sì, d'accordo esistono quelle che dicono che  non amano i fiori, ma... io credo non le credo!(: Mentono!! Sono rimasta folgorata dalla grazia e dalla veridicità di queste piccole creazioni, sono realizzate con della semplice carta, per i più esperti del design ci sono varie carte da poter utilizzare per avere un risultato più efficace, ma di sicuro un foglio da stampante A4 va bene per tutti! Vediamo insieme come si realizzano! Per facilitare il lavoro vi alleghiamo a fine pagina i pdf da poter scaricare, stampare a casa vostra, ritagliare e assemblare!
Auguro a tutti un buon lavoro, Angela.
Fatemi sapere!!!





Seguite i semplici passi qui sotto!





Ecco il risultato finale!



Ecco le immagini da stampare: Questo sarà il retro delle vostre orchidee rosa.

Ecco l'orchidea bianca! Ovviamente essendo il foglio da stampa bianco non avrete bisogno di…

Octopus teeS : Le Innovative t-shirt disegnate da Giorgio di Salvo

Di sicuro avete riconosciuto la grafica del polpo… Sì, è la Octopus di VNGRD disegnata da Giorgio di Salvo.


Il designer milanese è diventato parte integrante del team IUTER, per la quale ha disegnato diverse grafiche, tra cui   la linea Uppercut, la capsule collection che contiene le perle di IUTER. Il famoso brand per la stagione Spring/Summer 2013 IUTER presenta OCTOPUS: un nuovo concept-brand creando una  capsule collection prendendo un "animale" poco visto in giro, ma molto d'effetto, si, il polpo o polipo , a dir si voglia. Caratterizzata da una grafica tentacolare, stampata in all-over sulla parte superiore di felpe con cappuccio e magliette, OCTOPUS è stata e rimane una delle più apprezzate grafiche proposte in ambito street degli ultimi dieci anni, con riconoscimenti internazionali firmati da Complex e dalle principali testate di settore.
Il segno applicato su magliette e felpe crea un effetto davvero dinamico e creativo, davvero un must have per essere cool quest…

Le Stanze dell' Eros di Milo Manara

Ospite con le sue opere dedicate all'eros e al mondo Femminile, Milo Manara, celeberrimo Artista Fumettista Veronese, approda al Palazzo delle Arti di Napoli con la sua Mostra: "Le Stanze del Desiderio". Nelle mie storie il potere  e non solo della seduzione è sempre in mano alle donne - dichiara Milo Manara- Penso che, sia sul piano morale che fisico, le donne superino l’uomo in bellezza e potenzialità. L’umanità farà un passo in avanti decisivo quando sarà governata da donne. Naturalmente noi in Italia arriveremo per ultimi anche a questo traguardo… Parliamo delle opere di Milo Manara, maestro veronese della Nona Arte,   ospite con la mostra “- Le stanze del Desiderio”, presso il Palazzo delle Arti di Napoli – che sancisce la collaborazione con l'Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, con cui continua una proficua partnership. "Il PAN continua a caratterizzarsi come luogo privilegiato per i diversi linguaggi del contemporaneo e per gli arti…