martedì 17 marzo 2015

Mariagrazia Cucinotta presenta Chiara Vigo, l' ultimo maestro di Bisso




Si è tenuta pochi giorni presso la Sala del Capitolo, nel Convento di San Domenico Maggiore, la mistica presentazione del libro "L'ultimo maestro del Bisso" Carlo Delfino Editore, scritto dalla Giornalista Susanna Lavazza e dedicato a Chiara Vigo, tradotto in inglese da Jeff Grosch, è illustrato da circa 150 immagini di Luca Bonaccorsi, Nelly Dietzel, Luigi Garavaglia, Elisa Locci, Roberto Rossi, Marina Sgamato, Alessandro Spiga.    La presentazione ha immerso il pubblico napoletano in un’altra epoca, dai toni mistici e quasi fiabeschi, Chiara Vigo, ultima Maestro di Bisso ha illustrato le doti e le caratteristiche del  Bisso tessuto prezioso e millenario. 
Fin dall'antichità, detto oro marino perchè una volta pulito assume un colore dorato, proviene dal filamento di un antico mollusco (Pinna Nobilis Linneo) ed è presente solo nel Mediterraneo.Veniva raccolto e preparato per produrre oggetti di grandissimo valore e pregio ed oggi ancora è presente grazie alla perseveranza di alcune persone che mantengono questa tradizione millenaria. 

Le opere in bisso non si possono né  vendere nè comprare, il bisso appartiene solo al mare.”Qualche anno fa un gruppo di cinesi, mi ha offerto un miliardo delle vecchie lire per comprare un pezzo della mia collezione di bisso, ma io mi sono rifiutata di vendere loro un pezzo di tale arte, perché per me è come tradire le mie radici. Non c’è prezzo per il bisso…”- ha dichiarato Chiara Vigo, che rappresenta oggi l’ultimo maestro del bisso vivente al mondo. L'incontro nella Sala del Capitolo del San Domenico Maggiore e la visione del documentario sono stati l'occasione per ammirare i grovigli filamentosi della Pinna Nobilis trasformati in filos de oro che diventano la seta più pregiata al mondo, ma anche per conoscere una antica tradizione e la persona che la interpreta e la tiene ancora viva.

Nel corso dell'iniziativa è stato proiettato il documentario bilingue italiano-inglese "La ninfa che tesse i fili" di Rossana Cingolani presentato dall’attrice e produttrice MariaGrazia Cucinotta e inoltrato all'Unesco per la candidatura di Chiara Vigo come Patrimonio immateriale dell'Umanità. Le musiche sono di Pier Cortese. Durante l’evento moderato dalla Dott.essa Claudia Origoni, Responsabile Studi e Cultura Ufficio di Roma.

Durante la presentazione sono inoltre intervenuti l’Assessore al Turismo e alle Culture del Comune di Napoli, Nino Daniele  e il Dott. Vittorio Gazale, direttore del Parco di Porto Conte dell’Area Marina protetta di Capo Coccia.












Angela Acanfora

Nessun commento:

Posta un commento